De Ligt lascia la Juve, al Bayern fino al 2027

TORINO (ITALPRESS) – Matthijs de Ligt la prossima stagione non sarà un giocatore della Juventus. La società bianconera ha ufficializzato che, a tre anni dal suo arrivo dall’Ajax, il difensore olandese saluta Torino, per trasferirsi a titolo definitivo in Germania, al Bayern Monaco. La Juve incasserà “un corrispettivo di 67 milioni di euro, pagabile in quattro esercizi, che potrà essere incrementato, nel corso della durata del contratto di prestazione sportiva del calciatore, per un importo non superiore a 10 milioni al raggiungimento di specifici obiettivi sportivi. Tale operazione genera un effetto economico positivo sull’esercizio pari a 30,7 milioni di euro già al netto di 1,7 milioni di euro di oneri relativi al contributo di solidarietà previsto dal regolamento Fifa”.
Anche il Bayern Monaco ha ufficializzato l’operazione, col 22enne olandese che ha firmato un contratto fino al 2027. “Matthijs de Ligt ha impressionato ai più alti livelli internazionali, non solo per le sue qualità tecniche ma anche per la personalità – sottolinea il Ceo Oliver Kahn – Alla sua età ha già imparato a prendersi delle responsabilità. Una squadra forte non ha bisogno solo di un attacco forte e col suo arrivo alziamo a un livello top anche la nostra difesa”. “Lo volevamo già tre anni fa – rivela il ds Hasan Salihamidzic – Già allora eravamo convinti delle sue qualità e oggi lo siamo ancora di più. Per professionalità, fame e carattere è perfetto per la nostra squadra e le nostre ambizioni. Qui avrà un ruolo importante dentro e fuori dal campo”. De Ligt si dice “felicissimo di diventare un giocatore di questo grande club. Il Bayern è la società di maggior successo in Germania e fra le più vincenti in Europa e nel mondo. Ho sentito l’apprezzamento sincero della dirigenza e dell’allenatore sin dall’inizio e questo mi ha convinto. Il Bayern è un club che viene gestito in modo intelligente e con grandi obiettivi, sono molto felice di diventare parte della sua storia”.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).
Fonte e foto: Italpress