IL FESTIVAL “ITALIA IN THE WORLD” SNOBBA IL COVID E VA IN SCENA IL 1 NOVEMBRE

 “Questo Festival vuole testimoniare il coraggio degli Italiani nel mondo durante la pandemia e come abbiano saputo rimodulare il loro lavoro e la loro quotidianità. Oggi diventano un esempio per chi affronterà un altro lockdown”.Così questa mattina, Patrizia Angelini, presidente e direttore artistico del Festival ITALIA IN THE WORLD, ha aperto la video conferenza di presentazione del Festival ITALIA IN THE WORLD dedicato al LOCKDOWN, il primo con platea virtuale.

La cerimonia, in versione digitale, andrà in diretta streaming il primo novembre ore 18.00 al Teatro 1 di CinecittaWorld secondo DPCM nelle pagine FB @fesItaliaintheWorld  e twitter @ITALIAINWORLD.

“Si tratta– specifica la presidente Angelini distorie eccellenti raccontate da bambini, giovani, professionisti e anziani. E con molto coraggio abbiamo deciso di non rimandare il Festival credendo in questa missione. Abbiamo investito per renderlo fruibile a tutti. In 24 ore lo abbiamo adattato al Dpcm e non abbiamo mai goduto in 10 anni di contributi, fondi o finanziamenti. Abbiamo fatto rete dimostrando che volere è potere

Dall’Australia all’Italia, video che testimoniano: i connazionali che hanno fatto rete; la scienza che non si è fermata; l’emergenza immortalata da un regista ed un fotografo internazionale; la voce del mare e i suoni della natura; la scuola vicina agli studenti; la musica che unisce; la musica e i giovani; i giovani e i social; il matrimonio; la protesta dei cuochi; la chiusura delle città; il nuovo turismo; i nostri eroi; il teatro e l’immigrazione. Storie di italiani eccellenti nel mondo che attraverso i loro mini-docufilm (2 minuti) hanno testimoniato come in ogni settore “è stato” e “sarà possibile andare avanti”.

Questo Festival– ha spiegato in collegamento video Luigi Vignali Direttore Generale per gli italiani all’estero e le politiche migratorie della Farnesina– è un tributo alla creatività degli italiani che sono nel mondo. E proprio l’estro e l’ingegno che ci contraddistinguono, ci hanno aiutati anche in questo momento così difficile che stiamo vivendo. Questo Festival sarà un’ altro tassello importante per rinsaldare ancora maggiormente i nostri legami con gli italiani nel mondo e rimanere uniti per superare tutte le difficoltà”

Rai Cinema, Rai Cinema Channel, Rai Italia sono i partner con il patrocinio Anica, ITA-Ice, Ministero degli Affari Esteri ed altri 60 entidel Globo Tricolore, trofeo del Festival che ha ricevuto per questa VI edizione la medaglia del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

“I quindici vincitori di questo Festival–ha sottolineato Carlo Rodomonti, Responsabile Marketing Strategico e Digital Rai Cinema – saranno trasmessi su Rai Cinema Channel, per tutto l’arco dell’anno fino alla prossima edizione”.

Un mondo bianco, rosso e verde perchè gli italiani sono ovunque nel mondo.

Il trofeo GLOBO TRICOLORE è stato realizzato in esclusiva dall’ Arch. Isabella Resseguier De Miremont- Enbuà

Il prezioso emblema italiano Globo Tricolore è una creazione di Nicola Cerrone, conosciuto comeRe dei Diamanti italoaustraliano”. Prodotto durante il lockdown in Australia il brand sarà distribuito in USA, Cina, Australia e Italia.

I vincitori, annunciati in conferenza stampa, saranno premiati durante la diretta del 1 novembre dagli Studi di Cinecittà World, visibile sul canale Facebook: https://www.facebook.com/fesItaliaintheWorld/posts/213248953488949

Fondamentale il supporto di Patrizia Barsotti, direttore della comunicazione del Premio, senza la quale non sarebbe stato possibile organizzare un così folto numero di giornalisti presenti alla conferenza stampa e nella giuria.

 

 

Andrea Iannuzzi

Andrea Iannuzzi, giornalista dal marzo del 2000, ma con radici nella radiofonia che nascono nel 1989, esperto di tv e spettacolo, con un passato anche nella moda come fotografo. E’ stato capo progetto e direttore artistico di varie trasmissioni televisive, e direttore di alcuni fra i più importanti giornali e magazine nazionali italiani. Ufficio stampa e responsabile della comunicazione di diverse realtà tra tv e spettacolo, Iannuzzi mastica il filone dei reality show, dei talent show e dei programmi di intrattenimento, approfondimento e informazione. Grande appassionato di politica italiana.