Ucraina, civili evacuati: completa prima fase missione Azovstal

ROMA (ITALPRESS) – La prima fase dell’operazione umanitaria di Mariupol è completa: i civili che si erano rifugiati nei sotterranei dell’acciaieria Azovstal sono stati evacuati. “Tutte le donne, i bambini e gli anziani sono stati evacuati dall’Azovstal”, ha annunciato il vice primo ministro ucraino, Iryna Vereshchuk, su Facebook. “Questa parte dell’operazione umanitaria Mariupol – ha aggiunto – è stata completata”. La conferma arriva da Mosca: “L’operazione umanitaria per evacuare i civili dallo stabilimento di Azovstal ora è completa. Durante il periodo dell’operazione (dal 5 maggio 2022) – si legge sul canale Telegram del ministero della Difesa russo – sono state messe in salvo 51 persone (18 uomini, 22 donne, 11 bambini), compresa una persona il 7 maggio”. Secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, le persone messe in salvo dall’acciaieria sono oltre 300 e sono in corso i preparativi per una seconda fase dell’operazione, quella dedicata all’evacuazione dei feriti e dei medici. “Sono grato – ha detto Zelensky in un video – alle squadre del Comitato Internazionale della Croce Rossa e delle Nazioni Unite per averci aiutato a portare a termine la prima fase della missione di evacuazione dell’Azovstal. Sono state salvate più di 300 persone: donne e bambini. Praticamente, abbiamo evacuato i civili da Azovstal”. “E ora – ha continuato – stiamo preparando la seconda fase della missione di evacuazione: i feriti e i medici. Naturalmente, se tutti rispettano gli accordi, se non ci sono bugie. Naturalmente, stiamo anche lavorando per evacuare i nostri militari. Tutti eroi che difendono Mariupol. Questo è estremamente difficile ma è importante”, ha affermato. “Non perdiamo la speranza – ha aggiunto – non ci fermiamo”. Per il leader ucraino, la squadra è al lavoro per preparare oggi altri corridoi umanitari per i residenti di Mariupol e degli insediamenti circostanti. Intanto sul campo l’offensiva continua. Secondo Kyiv Independent, le sirene d’allarme antiaereo sono state attivate in quasi tutte le regioni del paese. Nella regione di Lugansk, è stato colpito un edificio scolastico nel villaggio di Belogorivka, nel distretto di Severodonetsk. I soccorritori del Servizio statale dell’Ucraina per le emergenze, intervenuti per spegnere l’incendio nell’edificio e per rimuovere le macerie, hanno fatto sapere di aver recuperato i corpi senza vita di due persone. E si aggrava ancora il bilancio delle vittime tra i bambini nel paese: secondo l’ufficio del procuratore generale dell’Ucraina, dall’inizio del conflitto 225 bambini sono morti e almeno 413 sono rimasti feriti.
(ITALPRESS).

– foto agenziafotogramma.it –
Fonte e foto: Italpress