Salute mentale, Mennini: forte impatto anche a livello economico 

Intervento a incontro “Salute mentale in Regione Lazio
– Team multidisciplinare e prospettive future

Salute mentale, Mennini:  

forte impatto anche a livello economico 

“Terapie domiciliari e territoriali per un miglior percorso di cura rispetto a una condizione di ricovero

e, allo stesso tempo, alleggerire il sistema (sanitario e sociale) da costi importanti”

Oltre ai costi diretti, bisogna considerare anche quelli indiretti”. È quanto fa notare Francesco Saverio Mennini, professore di Economia Sanitaria e Economia Politica presso l’università degli Studi di Tor Vergata di Roma e Presidente SIHTA, intervenendo all’incontro “Salute mentale in Regione Lazio – Team multidisciplinare e prospettive future”, patrocinato da SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Farmaceutiche) e con il contributo non condizionante di Otsuka e Lundbeck. “I disturbi psichiatrici – sottolinea – impattano notevolmente dal punto di vista economico, perché vanno a gravare sui nuclei famigliari all’interno dei quali sono inserite le persone che ne soffrono, sul sistema previdenziale e naturalmente, a cascata, sul Pil: ad esempio, con riferimento alla schizofrenia, i costi indiretti sono superiori a quelli diretti e arrivano a toccare 1,5 miliardi di euro”.

 

Nel caso dei disturbi psichiatrici si assiste spesso a una persistenza lifetime, il che significa che chi ne soffre mantiene per tutta la vita le caratteristiche che ne possono impedire per esempio la regolarità lavorativa oltre che lo svolgimento di tipiche azioni quotidiane. Questo dato che può far paura, è in realtà anche un dato positivo – evidenzia Mennini – perché racconta la funzionalità di un Servizio Sanitario Nazionale e, soprattutto, di un sistema previdenziale che funzionano, dall’altra parte però impone necessariamente una riflessione su quanto siano necessari nuovi percorsi di presa in carico, affinché le persone possano contare su un accesso precoce ai trattamenti così da ottenere una buona qualità della vita”.

 

“Come? Ad esempio, grazie alle terapie domiciliari e territoriali che garantiscono un miglior percorso di cura rispetto a una condizione di ricovero, e che allo stesso tempo sgravino il sistema (sanitario e sociale) da costi importanti”, conclude.

Erika Ciancio

Erika Ciancio, giornalista iscritta all’Ordine del Lazio. Inizia la sua carriera presso giornali nazionali di cronaca e politica, specializzandosi nei rapporti di pubbliche relazioni con la stampa per personaggi pubblici, anche del mondo dello spettacolo, professionisti e politici nazionali. Esperta in strategie di comunicazione social, punto di riferimento per molti personaggi nei “piazzamenti” televisivi nazionali, radio, e giornali.