Salute mentale, Lorenzin: destinare più risorse per prevenzione e presa in carico pazienti 

 

 

 

 

 

 

Videomessaggio dell’ex ministro della Salute all’incontro

Salute mentale in Regione Lazio – Team multidisciplinare e prospettive future

Salute mentale, Lorenzin: destinare più risorse
per prevenzione e presa in carico pazienti 

“Paura Covid e lockdown hanno fatto emergere un’altra epidemia strisciante” 

 

Il grave e pesante stress test sulla popolazione dato dal Covid, dalla paura del virus, dal lockdown, hanno fatto emergere un’altra epidemia strisciante, che ci ha accompagnato, che è quella del peggioramento del benessere psicologico della popolazione e, in particolare, della tenuta dei sistemi di salute mentale. Da più parti, dalla Società di psichiatria, dagli psicologi, dagli operatori sul campo, sono giunte grida di aiuto, lamentando la grave situazione, la compromissione della salute di molti ragazzi, ma anche di persone che avevano già problematiche di ansia, depressione o disturbi del comportamento”. Lo ha detto l’ex ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, nel videomessaggio inviato all’incontro “Salute mentale in Regione Lazio – Team multidisciplinare e prospettive future”, in corso di svolgimento a Roma.

 

“Abbiamo affrontato questo tema così delicato e spinoso in una mozione approvata in Parlamento all’unanimità, dove abbiamo cercato di elencare un po’ i nodi venuti poi al pettine”, ha riferito la deputata del Pd, prima firmataria del documento. Tra le criticità emerse, “la necessità del rafforzamento delle reti territoriali, per quanto riguarda sia la psichiatria che la psicologia, così come una particolare attenzione a tutta la sfera dell’infanzia e dell’adolescenza e del benessere psicologico. Ma anche la necessità di aumentare i posti letto nei reparti di neuropsichiatria infantile, di occuparsi di tutta la rete relazionale, di non lasciare da sole le famiglie, di combattere lo stigma”. 

“Quelli emersi sono tutti problemi forti, che purtroppo vedono un approccio diversificato, a macchia di leopardo, sul territorio nazionale, come succede anche per altri aspetti del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Speriamo che in questa fase, in cui si discute la Legge di Bilancio, così come abbiamo auspicato, possiamo avere in maniera tangibile, con l’aumento del Fondo sanitario, una maggiore quota di risorse da destinare alla salute mentale: per la prevenzione, per la diagnostica, per gli interventi nelle scuole, per il supporto e il sostegno alle reti, per la presa in carico dei pazienti effettiva ed omogenea su tutto il territorio nazionale”, ha concluso Lorenzin.

Erika Ciancio

Erika Ciancio, giornalista iscritta all’Ordine del Lazio. Inizia la sua carriera presso giornali nazionali di cronaca e politica, specializzandosi nei rapporti di pubbliche relazioni con la stampa per personaggi pubblici, anche del mondo dello spettacolo, professionisti e politici nazionali. Esperta in strategie di comunicazione social, punto di riferimento per molti personaggi nei “piazzamenti” televisivi nazionali, radio, e giornali.