Caratteristiche della dentizione decidua: sintomi e rimedi a cura della Dott.ssa Maria Teresa Petricca

 

Caratteristiche della dentizione decidua: sintomi e rimedi a cura della Dott.ssa Maria Teresa Petricca

 

La dentizione è quel processo in cui nascono i primi denti nel cavo orale.

I denti da latte si formano intorno alla sesta settimana di vita intrauterina e l’eruzione avviene dopo la nascita.

Vengono definiti denti da latte perché presentano un colore più chiaro rispetto ai denti permanenti che invece presentano un colore variabile tra il giallo ed il grigio.

E’ sempre un momento delicato sia per le mamme che per i nostri piccoli bambini.

I denti da latte presentano 20 elementi dentari, dieci per ogni arcata: 4 incisivi,2 canini ed infine 4 molari.

La dentatura permanente invece è formata da 32 elementi dentari, in quest’ultima sono presenti i premolari, assenti invece nella prima dentizione.

Tutti i denti permanenti sono sostituiti dai rispettivi decidui soprastanti, tranne i primi, secondi e terzi molari permanenti.

Sono infatti i premolari ad erompere al posto dei molari da latte.

I primi elementi decidui che erompono nella bocca sono gli incisivi centrali inferiori (tra 4 e 6 mesi),seguiti dagli incisivi centrali superiori (6-10 mesi),laterali superiori (11 mesi) ed infinite dai laterali inferiori (13 mesi) i molari nascono tra 10-16 mesi, i canini nell’arco di tempo tra 16-20 mesi, secondi molari inferiori a 28 mesi, ed infine i secondi molari superiori erompono tra 30-32 mesi .L’eruzione dei denti segue un modello detto “a fontana”.

Dai 36 mesi fino a 6 anni non si osservano grossi mutamenti nel cavo orale.

I sintomi più comuni sono l’eccesso di salivazione che sua volta può causare feci più molli o una lieve dermatite in viso; gonfiore, infiammazione e dolore del sito dell’eruzione dentale; il comportamento del bimbo può variare: si presenta più irritabile e nervoso, ed infine il piccolo bambino tenderà a favorire la suzione dl pollice nell’intento di alleviare il dolore.

E’ importante evidenziare che non è stata scientificamente dimostrata nessuna correlazione con i sintomi come diarrea, febbre (temperatura maggiore di 38), convulsioni, insonnia, bronchite.

Per alleviare il dolore del piccolo un’ottima soluzione può essere l’uso dell’anello da dentizione a freddo: anelli colorati e gommosi realizzati in materiali sicuri che il bimbo può mordere ogni volta che vuole.

Mettere l’anello da dentizione in frigo ha l’obiettivo di creare maggior sollievo al bambino attraverso la frescura.

In commercio si possono trovare diversi prodotti che aiutano ad alleviare il fastidio della dentizione: gel gengivali.

E’ importante che questi gel non contengono zuccheri in quanto causano precocemente carie.

Nel caso in cui si decide di comprare un gel con un anestetico locale è consigliato seguire la corretta posologia in quanto l’assunzione eccessiva di questo farmaco può diventare tossica per il piccolo.

L’utilizzo di prodotti omeopatici come la Camelia, erba gatta, camomilla, timo o calendula non sono supportate da evidenze scientifiche.

L’uso della collana d’ambra è fortemente sconsigliato, perché oltre a non presentare nessuna evidenza scientifica nell’alleviare il dolore, risulta essere pericolosa per il bimbo in quanto può causare soffocamento.

In casi estremi è consigliabile che il piccolo assuma la corretta dose di tachipirina, prescritta dalla pediatra di fiducia.

 

 

 

Maria Teresa Petricca

𝑷𝒊𝒂𝒄𝒆𝒓𝒆! 𝑺𝒐𝒏𝒐 𝑴𝒂𝒓𝒊𝒂 𝑻𝒆𝒓𝒆𝒔𝒂, Nata 𝒂 𝑷𝒆𝒔𝒄𝒂𝒓𝒂 𝒆 𝒍𝒂𝒖𝒓𝒆𝒂𝒕𝒂 𝒊𝒏 𝑶𝒅𝒐𝒏𝒕𝒐𝒊𝒂𝒕𝒓𝒊𝒂 𝒊𝒏 𝑺𝒑𝒂𝒈𝒏𝒂,𝒑𝒓𝒆𝒔𝒔𝒐 𝒍’𝑼𝒏𝒊𝒗𝒆𝒓𝒔𝒊𝒕𝒂’ 𝑬𝒖𝒓𝒐𝒑𝒆𝒂 𝒅𝒊 𝑴𝒂𝒅𝒓𝒊𝒅 (𝑼𝑬𝑴). 𝑯𝒐 𝒇𝒂𝒕𝒕𝒐 𝒖𝒏 𝒂𝒏𝒏𝒐 𝒅𝒊 𝑬𝒓𝒂𝒔𝒎𝒖𝒔 𝒊𝒏 𝑩𝒓𝒂𝒔𝒊𝒍𝒆,𝒂 𝑵𝒂𝒕𝒂𝒍. 𝑵𝒆𝒈𝒍𝒊 𝒖𝒍𝒕𝒊𝒎𝒊 𝒕𝒓𝒆 𝒂𝒏𝒏𝒊 𝒉𝒐 𝒗𝒊𝒔𝒔𝒖𝒕𝒐 𝒊𝒏 𝟑 𝑷𝒂𝒆𝒔𝒊 𝒅𝒊𝒇𝒇𝒆𝒓𝒆𝒏𝒕𝒊 𝒑𝒆𝒓 𝒒𝒖𝒆𝒔𝒕𝒐 𝒑𝒂𝒓𝒍𝒐 𝟒 𝒍𝒊𝒏𝒈𝒖𝒆: 𝑰𝒕𝒂𝒍𝒊𝒂𝒏𝒐,𝑰𝒏𝒈𝒍𝒆𝒔𝒆,𝑺𝒑𝒂𝒈𝒏𝒐𝒍𝒐 𝒆 𝑷𝒐𝒓𝒕𝒐𝒈𝒉𝒆𝒔𝒆 . 𝑨𝒎𝒐 𝒗𝒊𝒂𝒈𝒈𝒊𝒂𝒓𝒆! 𝑯𝒐 𝒄𝒐𝒏𝒐𝒔𝒄𝒊𝒖𝒕𝒐 𝒑𝒊𝒖 𝒅𝒊 𝟐𝟓 𝑷𝒂𝒆𝒔𝒊 𝒆 𝒄𝒐𝒏𝒕𝒊𝒏𝒖𝒐 𝒂𝒍𝒍𝒂 𝒓𝒊𝒄𝒆𝒓𝒄𝒂 𝒅𝒊 𝒏𝒖𝒐𝒗𝒆 𝒂𝒗𝒗𝒆𝒏𝒕𝒖𝒓𝒆. 𝑯𝒐 𝒊𝒏𝒊𝒛𝒊𝒂𝒕𝒐 𝒍𝒂 𝑺𝒑𝒆𝒄𝒊𝒂𝒍𝒊𝒛𝒛𝒂𝒛𝒊𝒐𝒏𝒆 𝒊𝒏 𝑶𝒅𝒐𝒏𝒕𝒐𝒊𝒂𝒕𝒓𝒊𝒂 𝑷𝒆𝒅𝒓𝒊𝒂𝒕𝒓𝒊𝒄𝒂 𝒂𝒍𝒍’𝑼𝒏𝒊𝒗𝒆𝒓𝒔𝒊𝒕𝒂’ 𝒅𝒊 𝑪𝒉𝒊𝒆𝒕𝒊 (𝑼𝑵𝑰𝑪𝑯) 𝑨𝒎𝒐 𝒗𝒆𝒅𝒆𝒓𝒆 𝒊 𝒎𝒊𝒆𝒊 𝒑𝒂𝒛𝒊𝒆𝒏𝒕𝒊 𝒔𝒐𝒓𝒓𝒊𝒅𝒆𝒓𝒆