Salute, Speranza: massimo impegno Stato su malattie rare

Intervento alla presentazione del VI Rapporto annuale di “MonitoRare”

Salute, Speranza: massimo
impegno Stato su malattie rare

Il ministro: basta con la stagione dei tagli al Servizio Sanitario Nazionale
Non sprecare crisi e tornare ad investire per qualità vita persone fragili

 

“Per alcuni mesi il nostro Servizio Sanitario Nazionale è stato impegnato prevalentemente nel tentativo di bloccare e rallentare la diffusione del coronavirus. Ora viviamo in una situazione migliore, rispetto ai mesi passati, e dobbiamo ricominciare a mettere la testa con il massimo della determinazione sui tanti altri problemi che ci sono, perché il virus non ha cancellato le altre patologie. E la vostra assemblea lo sa benissimo, perché ogni giorno si confronta con le necessità che toccano la vita delle persone, delle famiglie, su cui io vorrei portare il massimo di impegno possibile dello Stato”. È quanto ha dichiarato il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo alla presentazione del VI Rapporto annuale sulla condizione delle persone con malattia rara in Italia, “MonitoRare”, realizzato dall’Associazione UNIAMO – Federazione Italiana Malattie Rare.

“Purtroppo veniamo da molti anni in cui attorno al Servizio Sanitario Nazionale non è stato fatto l’intervento che andava fatto. La stagione dei tagli ha fatto pagare prezzi enormi, oggi dobbiamo trasformare questa crisi in opportunità, imparare dalla lezione che ci è arrivata. Papa Francesco ha usato delle parole bellissime, potenti: ‘Peggio di questa crisi c’è solo il rischio di sprecarla’. Io penso che non sprecarla significhi prima di tutto ricominciare ad investire sul Servizio sanitario nazionale. Chiudere definitivamente la stagione dei tagli e ricominciare a mettere risorse che servono per la qualità della vita delle persone”, ha aggiunto il ministro.

Questo vale per tutti, ma a maggior ragione per chi è più fragile, per chi è più debole, e l’universo delle malattie rare sta esattamente dentro questa dimensione – ha sottolineato Speranza -. E per questo io voglio metterci il massimo di impegno, sin dalle prossime settimane, per provare a favorire questa nuova stagione di investimento, che ci aiuti anche ad affrontare quei problemi che spesso mi vengono sollecitati da chi vive situazioni complicate legate proprio alle malattie rare”.

Erika Ciancio

Erika Ciancio, giornalista iscritta all’Ordine del Lazio. Inizia la sua carriera presso giornali nazionali di cronaca e politica, specializzandosi nei rapporti di pubbliche relazioni con la stampa per personaggi pubblici, anche del mondo dello spettacolo, professionisti e politici nazionali. Esperta in strategie di comunicazione social, punto di riferimento per molti personaggi nei “piazzamenti” televisivi nazionali, radio, e giornali.