Decreto Rilancio. Il commento del Presidente (INT) Riccardo Alemanno: bene lo sforzo, ma è fuori tempo massimo.

E’ stato approvato il Decreto Rilancio con cui il governo ha varato ufficialmente la “maxi-manovra” annunciata da 55 miliardi di euro, destinati a incentivi, bonus e finanziamenti per aiutare le famiglie e le aziende italiane maggiormente colpite dalla crisi economica dovuta all’emergenza Coronavirus,

“E’ da apprezzare l’enorme portata e lo sforzo per tentare di semplificare le procedure, ma avrebbe dovuto essere emanato due mesi fa al posto del cura Italia” questo il primo commento del Presidente dell’Istituto Nazionale Tributaristi (INT) Riccardo Alemanno.

“Al netto di alcuni aspetti discriminatori, come l’impossibilità per i professionisti, siano essi iscritti alla gestione separata Inps o a casse private, di accedere ai contributi a fondo perduto o le modifiche per la cassa integrazione in deroga che riguarderanno solo le nuove domande e non quelle presentate nonostante molti aventi diritto non abbiano ancora ricevuto nulla, il decreto rilancio, di cui apprezzo l’enorme portata e lo sforzo per tentare di semplificare le procedure, avrebbe dovuto essere emanato al posto del c.d. cura Italia perché taluni provvedimenti e snellimenti burocratici erano necessari già due mesi fa.”

Alemanno inoltre dichiara: “Apprezzabile il rinvio a settembre delle scadenze fiscali e contributive di alcuni adempimenti, ma avrebbe dovuto essere generalizzato come avevamo richiesto, così come molto apprezzabile è la cancellazione dei versamenti di saldo ed acconto dell’Irap, ma anche qui però si sarebbe dovuto prevedere non la cancellazione ma il rinvio a novembre delle altre tipologie di acconto di imposte e contributi collegati alle dichiarazione dei redditi. Comunque ora si deve attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e poi come peraltro sottolineato anche da esponenti del Governo, mi auguro che il Parlamento possa migliorarne i contenuti e renderli ancora più in linea con le necessità di un effettivo rilancio del Paese che non può prescindere dal rilancio delle attività imprenditoriali e professionali.”

 

 

Teresa Gargiulo

Teresa Gargiulo, giornalista iscritta all’Ordine del Lazio. Salernitana di origini, romana di adozione. La sua formazione nasce all'interno di testate giornalistiche nazionali e si perfeziona con studi specifici in scienze politiche e in comunicazione. Appassionata di viaggi, lifestyle e pubbliche relazioni.